Titles index   A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z Misc home |  advanced search |  help 

Il gesuita che disegnò la Cina : la vita e le opere di Martino Martini
AuthorLongo, G. (Giuseppe O.)
Pub. LocationMilanoPublisherSpringer
Date2010Phys. Desc.dig.pdf. [xii, 150 p. : ill. (some color), maps ; 21 cm.]
LocationDigital ArchivesCall NumberBV3427.M46 L665 2010d
Il gesuita che disegnò la Cina : la vita e le opere di Martino Martini / Giuseppe O. Longo.
Capitolo Primo. Il richiamo dell’Oriente.-- Capitolo Secondo. I primi anni: da Trento a Roma.-- Capitolo Terzo. Dall’Europa alla Cina.-- Capitolo Quarto. Dalla Cina all’Europa e ritorno. -- Appendice A. Le condizioni dell'Europa all'epoca di Martino Martini -- Appendice B. Cronologia essenziale di Martino Martini S.J. -- Appendice C. Opera Omnia di Martino Martini.

Description:
L'Occidente fu sempre attratto dalla Cina, ma la mitica "Terra di Mezzo" rimase un mondo sconosciuto, favoloso e irraggiungibile fino all'inizio del Seicento, quando il gesuita Matteo Ricci (1552-1610) penetrò in quell'immenso Paese, facendo conoscere alla Cina la civiltà europea. Fu un altro grande gesuita a compiere l'operazione inversa, rivelando all'Europa il volto della Cina: il trentino Martino Martini (1614-1661). Questo libro vuol essere un contributo alla conoscenza di un uomo straordinario per fede, scienza, capacità oratoria, coraggio fisico, abilità diplomatica e doti d'iniziativa. Visse solo 47 anni, di cui una dozzina passati sul mare o segregato in luoghi remoti e inospitali, ma, oltre a svolgere la sua missione evangelizzatrice in Cina, riuscì a raccogliere sul Celeste Impero una mole immensa di materiale, esponendola in alcune opere che ebbero in Europa vastissima risonanza. Tra queste un Atlante della Cina di ricchezza e precisione eccezionali. Sullo sfondo, il Seicento europeo mette in scena i suoi fasti e le sue miserie: secolo abietto e sontuoso, percorso dai fremiti del nuovo e dai sussulti del vecchio, che si apre alle innovazioni scientifiche più ardite e si accanisce nella cruenta repressione degli slanci riformatori, tra guerre interminabili, pestilenze e devastazioni, ma anche una straordinaria fioritura artistica e culturale.

Dall'altra parte del mondo, in Cina, il Seicento fu altrettanto contraddittorio: insanguinato dalla feroce guerra di successione tra la vecchia dinastia dei Ming e la nuova dei Ching, fu tuttavia un'epoca di grande rinnovamento della civiltà cinese, che sfociò in un singolare amalgama di cultura letteraria, saggezza amministrativa, ritualità e credenze popolari, senza contare le millenarie tradizioni scientifiche e tecniche su cui si innestarono le grandi innovazioni matematiche, astronomiche e cartografiche europee, introdotte dai gesuiti insieme con la pratica evangelizzatrice. Protagonista di questo fecondo incontro di civiltà e di tradizioni, propugnatore di una prassi missionaria tollerante, rispettoso della sensibilità e delle consuetudini di quel popolo così fiero e civile, Martino Martini seppe interpretare il proprio apostolato con saggezza ed equilibrio, ma anche con rigore e disciplina. Nominato mandarino, esercitò la carica con dignità e decoro, al punto di diventare cinese egli stesso, per lingua, costumi e abiti, pur senza rinunciare in nulla alla sua fede.

DOI 10.1007/978-88-470-1533-3
Also held online at Gleeson Library.
Local access dig.pdf. [Longo-Martino Martini.pdf]

Subject(s)Martini, Martino 衛匡國, 1614-1661
Jesuits--Missions--China--17th century
Jesuits--Missions--China--History--17th century
Martini, Martino 衛匡國, 1614-1661--Biography
Jesuits--China--Bio-bibliography
SeriesCollana i blu
Rec. TypeDigital Book (PDF)LanguageItalian
CollectionRicci Institute LibraryRec. #19334
ISBN9788847015333 ; 8847015332LCCN2010356856OCLC654396155